Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì

RSS Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì
Website : https://www.fondazionecariforli.it/

Nate nel 1992 sulla scorta della “legge Amato", che promosse la trasformazione degli istituti bancari in società per azioni, riservando il compito di sostenere lo sviluppo socio-culturale dei rispettivi territori a “fondazioni” che operassero prevalentemente attraverso interventi di natura sussidiaria, le Fondazioni si sono viste riconoscere un’identità ed un ruolo ben definite solo nel 2003, dopo ripetuti - e talora contraddittori - interventi del legislatore. In quell’anno, infatti, la Corte Costituzionale ha sancito la natura giuridica privata - e dotata di piena autonomia statutaria e gestionale - della Fondazioni, ponendole "tra i soggetti dell'organizzazione delle libertà sociali".
Questa definizione ben rappresenta il suo essere, da sempre, interlocutrice sia del sistema pubblico che della comunità: una sorta di realtà di mezzo che, nel pieno rispetto della vigente normativa, dà valore e sostanza all’attività no-profit esplicata facendo riferimento a criteri e valori essenziali:


la qualità dei progetti: che misurata sia in fase di istruttoria delle richieste e della predisposizione dei bandi, sia nella fase di misurazione e monitoraggio delle ricadute, potenziali ed effettive, dell’azione sostenuta o promossa;


la sussidiarietà: intesa come capacità di azione propria, autonoma ma non disgiunta dal sistema delle responsabilità più generali, volta alla realizzazione di progetti coerenti con gli scopi prefissati e, non a caso, generalmente necessitati di cofinanziamento da parte dei beneficiari o di altri partners pubblici o privati;


la solidarietà: espressa sia con azioni di promozione della persona, sia col sostegno di progetti a vantaggio delle aree periferiche del territorio di competenza;


la sostenibilità: come misura atta a garantire il giusto rapporto tra costi e benefici e, nel contempo, a salvaguardare il patrimonio della Fondazione per le esigenze delle generazioni future.
Nel concreto, l’azione della Fondazione si esplica, principalmente, attraverso il finanziamento di progetti propri o l’erogazione di contributi su richiesta di soggetti terzi. Tali interventi devono necessariamente riferirsi a settori rilevanti o settori ammessi, individuati, con procedure apposite, in ragione delle opportunità e delle esigenze che emergono dalla comunità e dal territorio. In questo senso, in continuità con le origini della Banca conferitaria, la Fondazione è, insieme, strumento e sintesi delle politiche di sviluppo del territorio, in chiave solidaristica e sussidiaria rispetto all’azione di Istituzioni ed Enti con i quali, vocazionalmente, si relaziona e collabora. Le sinergie con il sistema della rete socio-sanitaria, della ricerca universitaria, della promozione culturale ed economica, sono la premessa indispensabile per azioni incisive e corrispondenti ai bisogni. Per poter interpretare le ragioni e le attese della comunità di riferimento, occorre avere capacità di ascolto ma anche trasparenza nella scelta e nell’attuazione dei progetti: tale pratica non va disgiunta dalla necessaria continuità del flusso di comunicazioni che, con la pubblicizzazione degli atti di programmazione e con la predisposizione di news letters della Fondazione, pervengono agli stake-holders.
Da ultimo, non va dimenticato che sono le risorse provenienti dal proprio patrimonio a consentire alla Fondazione lo svolgimento della sua missione: ciò rende imperativa l’esigenza di una gestione oculata e profittevole insieme. A tutto ciò devono accudire, con professionalità e passione, gli Amministratori ed i dipendenti della Fondazione.

Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì